Pubblicato il Lascia un commento

Anatomia della Cornea

La cornea è il tessuto trasparente che copre la parte anteriore del eye.It forma anteriore 1/6 del rivestimento fibroso esterno del bulbo oculare.

La parola cornea deriva da “Kerato”. Il termine “Kerato” in greco significa corno o scudo simile. Il greco antico credeva che la cornea derivasse dallo stesso materiale come quello del corno di animale a fette sottili.

Embriologia:

Structure Derived from
Corneal epithelium Surface ectoderm
Stroma, Descmet’s membrane, endothelium Paraxial mesoderm

Topography:

La superficie anteriore della cornea è ellittica mentre la superficie posteriore è sferica con diametro medio di 11,5 mm. Il diametro orizzontale della superficie anteriore (HCD) è di 11,7 mm e il diametro verticale (VCD) è di 11 mm.Di questi HCD è clinicamente importante.Il raggio di curvatura della cornea è 8 (7,8 mm). È il risultato di differenze nel raggio di curvatura nei meridiani orizzontali verticali che causano l’astigmatismo.

Microcornea = quando HCD è inferiore a 10 mm

Macrocornea = quando HCD è più di 13 mm

Lo spessore corneale è di 0,52 mm, mentre la periferia è di 0,67 mm di spessore. Lo spessore corneale centrale ha un’influenza diretta nella misurazione della IOP. I 5 mm centrali della cornea formano la superficie rifrangente più potente dell’occhio. Il potere rifrattivo della cornea è 45D che è 3 / 4th del potere rifrattivo totale dell’occhio. L’indice di rifrazione della cornea è 1.376.

Refractive indices of different media through which light enters the eye

Air

Tear fluid

Cornea

Aqueous humor

Lens

Vitreous

Microscopic Anatomy of cornea:Cornea is composed of five layers. The layers are as follows:

Layers Thickness (in µm) Composition
Epithelium (Ep) 50 Stratified Squamous Epithelium
Bowman’s Membrane (BM) 8-14 Compact layer of unorganised collagen fibres
Stroma (SP) 500 Orderly arrangement of collagen lamellae with keratocytes
Descemet’s Membrane (DM) 10-12 Consists of basement membrane materials
Endothelium (En) 5 single layer of simple squamous epithelium

Epitelio corneale:

L’epitelio rappresenta il 10% dello spessore corneale. L’epitelio corneale è un epitelio squamoso stratificato non cheratinizzato.

Stratified Multilayered,has 5-6 layers
Squamous Superficial or apical cells are flattened
Nonkeratinised cells are nucleated and do not contain keratin (Keratinised epithelium are found in dry areas of body like skin and nonkeratinised epithelium are found in moist

Le cellule dell’epitelio sono tenute insieme con l’aiuto dei desmosomi e con la lamna basale con l’aiuto di emidesmosomi e altri filamenti .

Ricapitolare: I desmosomi collegano due cellule insieme; Gli emidesmosomi attaccano una cellula alla matrice extracellulare

Le cellule epiteliali corneali superficiali hanno numerosi microvilli e microplicae e queste cellule secernono glicocalice che aiuta nell’adesione e nella stabilità del film lacrimale. L’epitelio può essere diviso nello strato superficiale delle cellule squamose, nella cellula centrale dell’alae nello strato interno delle cellule basali. Tra questi tre, le cellule basali sono solo in grado di mitosi. Le nuove cellule formate vengono spinte anteriormente e cambiano forma, trasformandosi in cellule alari. Le cellule continuano a muoversi anteriormente, infine diventano cellule superficiali, dopo di che si disintegrano, perdono i loro attaccamenti (i desmosomi sono rotti o sciolti) e vengono versati nel film lacrimale.

Le cellule staminali epiteliali sono le cellule pluripotenti indifferenziate che fungono da importante fonte di nuovo epitelio corneale. Si trovano nell’epitelio basale limbare delle palizzate di Vogt.Clicca quiper saperne di più sulle cellule staminali limbali.

Le cellule basali sono attaccate alla membrana basale o alla lamina basale con l’aiuto di emidesmosomi. La lamina basale è un prodotto secretorio extracellulare delle cellule epiteliali basali. La funzione principale di questa lamina basale è quella di attaccare l’epitelio corneale con lo stroma. Uno distrutto ci vogliono circa 6 settimane per la rigenerazione della lamina basale.

Layers of epithelium

Description

Mitotic activity

Basal Cell

Single layer of columnar cells found adjacent to basal layer

Wing cell

2-3 layers of cells con processo allungato

Cellule superficiali

3 strati di cellule epiteliali appiattite con microvilli a contatto con il film lacrimale.

+

richiede normalmente 7 giorni per la sostituzione intera epitelio corneale

Membrana di Bowman:

Membrana di Bowman è chiamato dopo l’inglese, anatomista e medico oculista William Bowman. È una membrana dura acellulare come zona situata fra l’epitelio corneale e lo stroma. È 8-14 µm di spessore e composto da fibre di collagene disposte in modo casuale. Sebbene le fibre di collagene siano più fini di quelle trovate nello stroma corneale e disposte casualmente, queste fibre di collagene sono continue con quella dello stroma anteriore. Ecco perché molti autori lo considerano una regione modificata dello stroma anteriore. A causa della disposizione compatta delle fibre di collagene, è relativamente resistente ai traumi. Tuttavia, una volta distrutto non può essere rigenerato.

Ricorda!! La membrana di Bowman non è una membrana basale come la membrana di Descemet

Stroma corneale/Substantia propria:

Lo stroma o substantia propria, che occupa circa il 90% dello spessore corneale totale, è composto da fibrille di collagene, cheratociti e sostanze macinate extracellulari. I componenti del collagene costituiscono oltre il 70% del peso secco della cornea. Le fibrille di collagene con diametro uniforme da 25 a 35 nm sono disposte in fasci piatti chiamati lamelle. Le lamelle si estendono da limbus a limbus e sono orientate a vari angoli l’una rispetto all’altra. Le fibre di collagene formano circa 300 lamelle nello stroma corneale. Due importanti fibre di collagene corneale, che rappresenta la trasparenza della cornea, sono –

  • Le fibre di collagene sono altamente uniformi di diametro (25-35 nm)
  • La distanza tra due fibre corneali è anche altamente uniforme (41,5 nm)

La trasparenza corneale dipende principalmente dalla disposizione di queste fibre di collagene nello stroma. Il diametro medio della singola fibra del collagene e la distanza media fra le fibre del collagene sono quasi stessi ed entrambi sono meno di metà della lunghezza d’onda di luce visibile (400-700nm).Come risultato la dispersione di un raggio incidente di luce da una fibra del collagene è annullata da interferenza da altri raggi sparsi di luce (interferenza distruttiva).

L’annebbiamento corneale nell’odema corneale si verifica a causa del fluido di accumulo che aumenta la distanza tra le fibre di collagene.

La matrice extracellulare o le sostanze macinate presenti nella cornea sono principalmente glicosaminoglicano. I glicosaminoglicani primari dello stroma sono il solfato di cheratina (forma il 65% del contenuto totale di glicosaminoglicani) e il solfato di condroitina. Tra i componenti cellulari, i cheratociti (fibroblasti corneali) sono il principale tipo cellulare dello stroma. Occupano il 3-5% del volume stromale. Sono a forma di fuso e in sezione trasversale, trovati sparsi tra le lamelle delle fibre di collagene. Sintetizzano collagene e componenti della matrice extracellulare e quindi mantengono lo stroma.

Membrana di Descemet:

La membrana di Descemet è la membrana basale spessa secreta dall’endotelio. Viene prodotto costantemente e quindi si addensa per tutta la vita (3 µm alla nascita e aumenta a 10 µm nell’adulto). La membrana di Descemet non aderisce fortemente allo stroma e quindi può essere sezionata chirurgicamente come un foglio. Sebbene non siano presenti fibre elastiche, la membrana di Descemet mostra proprietà elastiche a causa della particolare disposizione delle fibre di collagene. La membrana termina vicino al limbus come linea di Schwalbe.

In caso di distacco o rottura della membrana di Descemet, la membrana si arriccia verso lo stroma (verso l’interno) a causa della proprietà elastica della membrana di Descemet. La capsula della lente, che è anche una membrana basale ha una tendenza simile, ma si arriccia verso l’esterno-verso la camera anteriore.

A differenza dell’attaccamento della membrana di Bowman e dello stroma corneale, la membrana di Descemet è relativamente debolmente attaccata allo stroma corneale e questa superficie è nettamente definita. La membrana di Descemet è uno strato duro che è resistente alla degradazione enzimatica dai fagociti e dalle tossine.

Nell’ulcera corneale, la membrana di Descemet rimane intatta e spesso si ernia a causa dell’aumento della pressione intraoculare, nota come Descematocele.

Endotelio corneale:

Il nome endotelio è un termine improprio. Fondamentalmente, l’endotelio corneale è un semplice epitelio squamoso. La forma delle singole cellule è esagonale che forma il modello a mosaico continuo, meglio visto nella microscopia speculare. Le cellule endoteliali sono interconnesse tra loro con vari complessi giunzionali come zonula occludans, macula occludans e macula adherens. Queste cellule possiedono sistema di trasporto di ioni che è noto come pompa endoteliale. Queste pompe endoteliali regolano il contenuto di acqua dello stroma corneale.
Le cellule endoteliali non possono dividersi o replicarsi. Con l’invecchiamento, la densità cellulare dell’endotelio diminuisce, compensata da un aumento della dimensione cellulare (polimegatismo) o della forma (pleomorfismo).Poiché queste cellule endoteliali sono coinvolte nell’idratazione corneale (che aiuta a mantenere la trasparenza corneale), la densità delle cellule endoteliali inferiore a 800 cellule/mm2 porta allo scompenso corneale.

Risposta corneale alla lesione:

Quando si verifica una lesione nell’epitelio corneale, le cellule basali vengono spostate nell’area danneggiata e la successiva proliferazione cellulare dagli strati basali riempie il difetto. La membrana di Bowman non si rigenera. La ferita nella membrana di Bowman è sostituita da stroma come tessuto fibroso o epitelio. In risposta al trauma allo stroma corneale, vi è un aumento del numero di cheratinociti e delle sostanze macinate e delle fibrille di collagene secrete dai cheratinociti. Tuttavia il tessuto stromale così prodotto è diverso-il diametro del collagene stromale appena formato è più grande (paragonabile a quelli trovati nella sclera) rispetto al normale collagene stromale. Anche le fibrille di collagene appena formate non sono ben organizzate e mancano della normale resistenza alla trazione delle fibrille di collagene. La risposta di vari strati di cornea a traumi o lesioni è riassunta di seguito.

Apporto di sangue alla cornea:

In condizioni normali, la cornea non contiene vasi sanguigni. L’arteria ciliare anteriore, un’arteria oftalmica del ramo forma una galleria vascolare nella regione limbale e aiuta nel metabolismo corneale e nella riparazione della ferita fornendo nutrimento. L’assenza di vasi sanguigni nella cornea è uno dei fattori che contribuiscono alla sua trasparenza.

Condizioni quando l’apporto di ossigeno alla cornea diminuisce o nelle infezioni quando il meccanismo regolatore cerca di aumentare l’apporto di sangue alla parte interessata, la crescita di vasi anormali si verifica nella cornea che è chiamata vascolarizzazione della cornea. Con il ripristino dell’ambiente normale all’interno della cornea, questi vasi smettono di trasportare sangue ma i loro contorni sono visibili, che è noto come vasi fantasma.

Fornitura nervosa della cornea:
La cornea è uno dei tessuti altamente sensibili del corpo umano. La densità del nervo che termina nella cornea è circa 300 volte di quella della pelle. Un’area di 0,01 mm2 cornea può contenere fino a 100 terminazioni nervose. La cornea è innervata principalmente attraverso il ramo oftalmico del nervo trigemino. La divisione oftalmica del nervo trigemino ha tre parti: il nervo frontale, il nervo lacrimale e il nervo nasociliare. Il nervo nasociliare fornisce innervazione sensoriale alla cornea. I percorsi di innervazione sono descritti nella figura seguente.

Condizioni patologiche che portano alla perdita dell’epitelio corneale, causano forti dolori dovuti all’esposizione della terminazione del nervo corneale.

Durante l’esame della lampada a fessura, potresti aver visto i nervi corneali come fibre sottili nella periferia corneale. In condizioni normali, nervi corneali sono principalmente visibili in periferia come i diametri dei nervi corneali sono più grandi in periferia rispetto al centro.

L’infezione o la riattivazione del virus herpes simplex latente situato nel ganglio trigeminale che colpisce l’occhio riduce la sensazione corneale a causa di danni alle terminazioni nervose.

Limbus:

Pallsade di Vogt è creste fibrovascolari orientate radialmente che sono concentrate principalmente lungo il limbus superiore e inferiore. Si trovano solo periferici ai cappi capillari terminali del limbus.Il limbus è una zona di transizione anulare che separa le cellule anatomicamente contigue, ma fenotipicamente diverse dell’epitelio congiuntivale e corneale.Limbus ha una distinta architettura istologica. Differisce dalla congiuntiva in quanto è privo di cellule caliciformi e, a differenza dell’epitelio corneale, ha cellule di Langerhan, melanociti e vasi sanguigni sottostanti.

Limbal Zone Boundary
Corneal Side By a line drawn between the termination of Bowman’s layer and Descemet’s membrane
Conjunctival or Scleral Side

By a parallel line approximately 1 mm peripherally. Questa linea funziona solo al di fuori di Schlemm canale

Al limbus,

  • epitelio Corneale diventa bulbare epitelio congiuntivale
  • membrana di Bowman diventa continuo con la lamina propria della congiuntiva e della capsula di tenone.
  • Lo stroma diventa sclera
  • La membrana di Descemets diventa la linea di schwalbe.
  • L’endotelio riveste la rete trabecolare e diventa continuo con la superficie anteriore dell’epitelio

Limbus chirurgico:

Il limbus chirurgico è una zona larga 2 mm. Per facilità di descrizione questa zona può essere suddivisa in:

  • Il bordo limbale anteriore è rappresentato dall’inserimento della congiuntiva nella cornea periferica, che si sovrappone alla terminazione della membrana di Bowman.

Al microscopio, il bordo limbale anteriore può essere identificato come una zona nella cornea chiara in cui terminano i vasi congiuntivali fini.

  • Zona blu: bordo limbale posteriore-anteriore, c’è una zona blu che termina nella linea midlimbal. Questa zona si estende per 1 mm superiormente e 0,8 mm inferiormente.

Sotto il microscopio, blu limbare zona può essere identificato come bluastro area traslucida, dopo dissezione sovrastante congiuntiva e tenone della capsula anteriore da limbare confine

  • Midlimbal linea sovrapposto l’Schwalbe (linea a, che è la cessazione della membrana di Descemet. È la giunzione della zona blu e bianca di limbus.
  • Zona bianca: Inizia dalla linea midlimbale e si estende per 1 mm e termina nel bordo limbale posteriore. Questa zona si sovrappone alla rete trabecolare.
  • Bordo limbale posteriore: Bordo limbale posteriore si trova 1mm posteriore alla linea midlimbal. Si sovrappone allo sperone sclerale e alla radice dell’iride.

Le differenze di colore della limbare regione si verifica a causa di interdigitation della cornea fibre in sclerale fibre

l’incisione Chirurgica:

  • Un’incisione in blu limbare zona può causare la membrana di Descemet giovani.
  • Linea Midlimbal è il sito di incisione preffered
  • Se l’incisione è posteriore al bordo limbale posteriore, può causare sanguinamento eccessivo & hyphama a causa di lesioni al corpo cilliary.
  • Un’incisione nella zona limbare bianca può causare lesioni alla rete trabecolare.
  • L’incisione corneale chiara è fatta davanti al bordo limbale anteriore che è all’aspetto più anteriore della zona blu.

Cellule staminali limbali:

Le cellule staminali epiteliali limbali sono le cellule pluripotenti indifferenziate che fungono da importante fonte di nuovo epitelio corneale. Si trovano nell’epitelio basale limbare delle palizzate di Vogt.

Solo dal 5% al 15% delle cellule del limbus sono cellule staminali

Le cellule basali dell’epitelio limbale comprendono le cellule staminali limbali.Le caratteristiche salienti di queste cellule staminali sono-

  1. sono il precursore di tutte le altre cellule del tessuto
  2. hanno un auto per mantenere la popolazione
  3. Essi rappresentano solo una piccola parte del totale delle cellule del tessuto
  4. In vivo,mostrano il lento escursioni in bicicletta,ma quando sono immessi in coltura cellulare,che dimostrano un elevato potenziale di proliferare.
  5. Non possono essere differenziati con il resto delle cellule del tessuto.

Ciclo di vita delle cellule staminali:

Le cellule staminali nel limbus si dividono per produrre una cellula staminale figlia e una cellula amplificante transitoria. Queste cellule amplificanti transitorie migrano all’interno della cornea per trovarsi nello strato basale dell’epitelio corneale. Ulteriori divisioni cellulari di cellule amplificanti transitorie producono cellule postmitotiche, che si trovano negli strati soprabasali. La differenziazione progressiva delle cellule postmitotiche produce cellule terminali differenziate, che si trovano negli strati epiteliali corneali superficiali. Queste cellule terminali differenziate sono cellule epiteliali corneali squamose stratificate non cheratinizzate. Queste cellule sono continuamente sloughed lontano dalla superficie corneale e sostituito da maturazione, strati cellulari sottostanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.