Pubblicato il Lascia un commento

Chi controlla tutti i soldi in Asia?

Sistema finanziario della Cina

Le banche centrali, più o meno, accelerano le economie. Se vuoi essere un investitore migliore, dovresti capire come funzionano le banche centrali, chi è responsabile di loro e quali sono i loro programmi.

Ma non tutte le banche centrali sono uguali. Quelli in Asia sono più strettamente controllati che in Occidente.

La vecchia coppia litigiosa

Le economie sono controllate dalle banche centrali, dai governi o da entrambi. Questi due spesso hanno obiettivi contrastanti e non vanno molto d’accordo.

Si suppone che le banche centrali tengano sotto controllo l’inflazione, garantendo nel contempo che le economie procedano senza intoppi.

Ad esempio, il compito della banca centrale più influente del mondo – la Federal Reserve statunitense (o la Fed) – è quello di mantenere il valore dell’USD e facilitare il sistema finanziario degli Stati Uniti. Mentre la Fed altera la politica monetaria, l’effetto sui prezzi, sui tassi di interesse e sui tassi di occupazione si è diffuso in tutto il mondo, non solo a casa.

Nel frattempo, i governi vogliono finanziare il debito pubblico a costi inferiori.

I governi tendono a sopprimere i tassi di interesse in modo che i loro prestiti e rimborsi diventino meno costosi.

Il sistema finanziario può avere aumentato l’offerta di moneta attraverso tassi di interesse più bassi. Questo è noto come” stampare denaro”, che aumenta i tassi di interesse. Ma se l’inflazione è sfuggita di mano, i prezzi possono cambiare drasticamente e la reputazione di una banca centrale può essere danneggiata.

I governi e le banche centrali tendono a non essere d’accordo tra loro, quindi sono davvero separati. Le politiche monetarie degli Stati Uniti dovrebbero essere libere dalla politica. Ciò riduce i rischi derivanti da dispute partigiane o da cattive legislazioni governative.

Il governo degli Stati Uniti può solo “chiedere”, piuttosto che ordinare, la loro banca centrale.

Le banche centrali influenzano pesantemente un paese, fondamentalmente funzionando l’economia. Governi e… le banche centrali in Asia non sono così separate.

Tuttavia, le banche centrali in Asia sono legate al governo. In Giappone, Corea del Sud e Singapore, le banche centrali sono ufficialmente indipendenti, ma sono più controllate delle loro controparti occidentali. Mentre in Cina e Vietnam l’indipendenza delle banche centrali è inesistente.

Stato della Banca centrale per Paese

One Road Research

Le banche centrali asiatiche sembrano indipendenti

Poiché le banche centrali in Asia sono state create dalle guerre contro i dittatori, non sono così indipendenti.

I governi hanno più controllo sulle economie in tempo di guerra che in tempo di pace. Quindi, mantenere un’elevata produttività per sostenere i militari e mantenere sane le economie è la chiave per la sopravvivenza del paese.

I governi asiatici hanno usato una tecnica chiamata ‘window guidance’ per guidare le economie attraverso WW1 e WW2.

La guida alla finestra, talvolta nota come “suasion” o “jawboning”, è un meccanismo informale in cui una banca centrale richiede alle banche commerciali di aiutare specifici settori industriali o aziende attraverso prestiti preferenziali.

Questa tecnica era utile per le economie in tempo di guerra. Fino ad oggi, le economie asiatiche lo usano ancora per la transizione verso la produzione di beni di consumo.

L’uso più noto di window guidance è stato il Giappone durante la seconda guerra mondiale (clicca qui per saperne di più sulle economie in tempo di guerra). Se la marina giapponese aveva bisogno di più navi, la banca centrale del paese ha detto alle banche commerciali di finanziare alcune catene di approvvigionamento, in modo che i militari ricevessero la nave richiesta.

Quando la guerra era finita, questo sistema è stato dato un lifting in modo che si adattava al processo di produzione di beni di consumo. Invece di permettere al libero mercato di prendere il sopravvento, la guida finestra ha permesso al governo giapponese di incanalare il credito ai loro grandi conglomerati – keiretsu – in modo che potessero produrre beni di consumo di esportazione a costi inferiori. Il miracolo giapponese è stato in parte grazie alla guida della finestra.

La Corea del Sud ha seguito le orme del Giappone e ha implementato la guida della finestra per far crescere la sua economia.

Durante la guerra di Corea, è stata istituita la banca centrale della Corea del Sud. Quando la guerra finì, la banca centrale finanziò grandi conglomerati-chaebol che erano i principali produttori di beni di consumo nazionali e internazionali.

Di conseguenza, uno dei principali chaebols che ha guadagnato dalla guida finestra è Samsung. Ora è un gigante manifatturiero con la più alta capitalizzazione di mercato del mondo ed è la 15a più grande azienda al mondo.

La banca centrale cinese è stata costituita nel 1948, durante la rivoluzione comunista. Seguendo le orme del Giappone e della Corea del Sud, il governo cinese ha diretto la sua banca centrale ad offrire credito a basso costo per stimolare settori e industrie strategiche.

Ma il governo cinese, a differenza del Giappone e della Corea del Sud, ha il controllo assoluto sulla sua banca centrale.

Quindi, gli interventi governativi sulle economie asiatiche sono molto più importanti, indipendentemente dal fatto che quei paesi abbiano o meno banche centrali “indipendenti”.

Poiché l’autonomia delle banche centrali nell’Est differisce dall’Ovest, anche i loro risultati economici sono diversi.

La stabilità deriva dal controllo

Perché diversi governi asiatici sono più bravi a stabilizzare le loro economie, reagiscono più rapidamente durante le crisi economiche e sono meno vulnerabili agli shock esterni.

Quando i governi richiedono alle banche di seguire determinate politiche che dovrebbero stabilizzare l’intero sistema finanziario (incluse banche e sistemi di pagamento), allora questo è chiamato mandati di stabilità finanziaria.

Puoi vedere dal grafico sottostante che diversi paesi in tutto il mondo hanno diversi gradi di mandati di stabilità finanziaria.

Mandati delle banche centrali legati alla stabilità finanziaria nel 2009

One Road Research

In Thailandia, Malesia e Filippine, i governi hanno mandati più forti in tutte le loro attività bancarie.

Dopo la crisi finanziaria globale del 2008, le economie che hanno recuperato più velocemente sono quelle con mandati di stabilità più robusti.

Sebbene le economie asiatiche possano sembrare più resilienti, ci sono aspetti negativi nell’avere livelli più elevati di intervento del governo e della banca centrale.

Quando il guinzaglio diventa troppo stretto

Anche se i governi o le banche centrali hanno intenzioni positive, non possono dettare completamente i risultati delle loro azioni, perché l’economia è fondamentalmente complicata e imprevedibile.

Quando Wen Jiabao era il primo ministro cinese (dal 2003 al 2010), la banca centrale del paese era sotto pressione per aiutare a far crescere l’economia attraverso una maggiore spesa di stimolo finanziario. Tuttavia, la nazione ha finito con una bolla di credito humongous-uno che la Cina ancora oggi sta cercando di sgonfiare senza rovinare l’intera economia.

Se vuoi investire con successo in Asia, devi capire chi è responsabile del sistema finanziario della regione e come minimizzare tutti i risultati negativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.