Pubblicato il Lascia un commento

Disturbed frontman sbatte Roger Waters” ei suoi compagni nazisti ” per le richieste di boicottare Israele

Disturbed frontman David Draiman ha difeso la decisione della band di giocare un concerto in Israele il mese prossimo, che ha spinto le critiche da altri artisti come Roger Waters e il movimento BDS, che campagne per un boicottaggio della nazione.

“Sono un sostenitore molto, molto forte di Israele per sempre e per il nostro popolo”, ha detto Draiman in risposta, parlando in un video condiviso su una pagina Facebook “Bring Disturbed To Israel”.

  • Leggi di più: Disturbed – ‘Evolution’, the NME review

“E indipendentemente dal fatto che sia Israele o altrove, boicottare un’intera società e un intero popolo in base alle azioni del suo governo è assolutamente ridicolo. E non porta a nulla.

Pubblicità

“Non vedo il boicottaggio della Russia; non vedo il boicottaggio di molti dei paesi che hanno alcuni dei regimi più oppressivi e chiusi esistenti sulla faccia del pianeta, dove le persone LGBTQ sono perseguitate, dove tutti i tipi di minoranze sono perseguitate. Non vedo persone che boicottano la Cina per quello che stanno facendo alla loro popolazione musulmana. È solo Israele che riceve questo trattamento, e penso che tutti sappiamo il motivo dietro questo.”

Draiman, che è ebreo, ha continuato: “L’idea stessa che Waters e il resto dei suoi compagni nazisti decidano che questo è il modo per andare avanti e favorire il cambiamento è follia assoluta e idiozia — assoluta. Non ha alcun senso.

“Si basa solo sull’odio di una cultura e di un popolo e di una società che sono stati demonizzati ingiustificatamente dall’inizio dei tempi. Vuoi essere in grado di riunire le persone? Vuoi effettuare il cambiamento sociale a un livello reale? Riuniteli per un concerto.”

Artisti tra cui Nick Cave e Radiohead hanno ricevuto contraccolpi simili per aver suonato spettacoli nel paese mediorientale negli ultimi anni, mentre la performance Eurovision di Madonna a Tel Aviv il mese scorso ha incontrato anche la resistenza del movimento BDS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.