Pubblicato il Lascia un commento

Grotte di Cacahuamilpa e altri paesaggi sotterranei in Messico

Una delle prime mappe delle grotte fu pubblicata nel 1840. Il responsabile fu Antonio Cabrer, uno speleologo spagnolo che catturò sulla carta i limiti del sottosuolo nell’Eremo. Poi un gruppo di specialisti ha fatto lo stesso in Messico e ha lasciato per la storia una moltitudine di percorsi sotto terra in cui possiamo conoscere un’altra versione delle città e delle città che esistono in questo paese.

Dalle piccole grotte, dove si avventurano solo scienziati e dilettanti, agli enormi labirinti di roccia che oggi sono aperti a chiunque voglia visitarli. Con questo in mente, abbiamo fatto una lista di cinque affascinanti paesaggi sotterranei che ci permettono di viaggiare nei luoghi più remoti del pianeta, dove la luce non entra e il silenzio è vecchio.

Cacahuamilpa Caves

Guerrero

A mezz’ora da Taxco, e poco più di due dalla capitale, si trova il Cacahuamilpa Caves National Park. Incastonate nella Sierra Madre del Sur da decine di milioni di anni, queste pietre allungate e spaziose camere di pietra accompagnano i visitatori in una passeggiata di due km e, quando è la stagione delle piogge, puoi persino andare in kayak lungo il fiume sotterraneo. Devi essere fortunato, perché a volte il letto del fiume sale così in alto che rende impossibile l’esperienza acquatica.

grotte di cacahuamilpa

Foto: Carlos Adampol Galindo / Wikimedia Commons

Grutas de García

Nuevo León

Un’ora a nord di Monterrey sorge la Sierra del Fraile, nella cui parte alta si trova l’ingresso alle Grotte di García. Entrando-è necessario salire 80 metri con la funivia-si possono rilevare rilievi fossili sulle pareti e formazioni che sembrano più coralli che rocce, questo perché, nella preistoria, questo spazio era all’interno del Mare ormai inesistente di Teti.

grotte in Messico

Foto: Tito García/Flickr

Sistema Huautla

Oaxaca

Questo complesso di depressioni sono nascosti nella più recondita della Sierra de Juárez, vicino a Huautla –cinque ore da Oaxaca o Puebla–. Qui ci sono venti km di gallerie e gallerie buie e umide, alcune delle quali superano i mille metri di profondità. Altri sono circondati da laghi così tranquilli che sembrano di vetro. Una delle più note sono le Grotte di San Agustín.

grotte di oaxaca

Foto: Kasia Biernacka / Wikimedia Commons

Sac Actún

Quintana Roo

Tulum è circondata da cenotes, quindi non sorprende che sotto i suoi dintorni nella giungla si estenda la più grande grotta allagata del mondo. È l’unione dei cenotes Sac Actun e Dos Ojos, attraverso 347 km di passaggi sotterranei, pieni di acqua fresca e cristallina. Questo ambiente è ideale per gli amanti delle immersioni, che –in alcune sezioni designate– possono conoscere l’ambiente che ospita fossili e vestigia preistoriche e Maya ancora da scoprire.

cenote tulum

Da vedere in foto: Cueva de los Cristales

Chihuahua

Questa è forse una delle cartoline più surreali del Messico. All’interno dell’ex miniera di Naica sono state trovate camere sigillate in cui sono state trovate massicce formazioni di selenite, un minerale bianco. I cristalli raggiungono i 12 metri di altezza e superano il metro di diametro; qui ripensare le proporzioni umane è inevitabile. Sfortunatamente, rimangono chiusi al pubblico, hanno accesso solo agli scienziati.

meraviglie sotterranee nel mondo

Ti è piaciuta questa nota? Iscriviti alla nostra newsletter qui per avere accesso a tutti i contenuti di Travesías.

Foto di copertina: Mexican Film Commission / Wikimedia Commons

* * *

Si consiglia inoltre:
Sette meraviglie naturali del Messico(che sembrano surrealismo)
Sac Actun, il più grande sito archeologico del mondo, è sott’acqua Tulum
Funivie per vedere tutto il Messico dall’alto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.