Pubblicato il Lascia un commento

TERMINI DI SERVIZIO

Quando due stalloni si incontrano e l’obiettivo è quello di quadrare fuori per una mandria, di solito bluffano a vicenda fino a quando uno di loro decide che sono il cavallo più debole e decidere di allontanarsi. Anche se scoppia una lotta, il cavallo più debole sarebbe in grado di fuggire e che ha fatto solo per brevi periodi di combattimento al meglio.

È quando gli stalloni sono confinati in piccoli ambienti, in cattività, dove si verificano le violente e prolungate battaglie per il dominio del branco. In cattività, non c’è modo di fuggire. Non c’è niente da perdere e tutto da guadagnare con la vittoria. Questi combattimenti possono causare lesioni gravi, danneggiare proprietari e gestori e persino causare lesioni a cavalle e puledri.

Come vengono gestiti correttamente gli stalloni?

Gli stalloni che sono stati addomesticati possono essere addestrati in diversi modi in modo che possano essere gestiti correttamente. Il regime di allenamento per il cavallo dipende dalla sua personalità e dal suo temperamento, dalla regione in cui vive il cavallo e dalle filosofie del proprietario e dell’allenatore.

Prima di ogni altra cosa, uno stallone deve essere addestrato per imparare a comportarsi intorno a tutti gli esseri umani con rispetto. Stalloni sono naturalmente aggressivi e hanno la voglia di dominare l’ambiente circostante. Senza allenamento, uno stallone morde spesso le persone come un modo per proteggersi o per esprimere quel dominio.

Il confinamento e l’isolamento sono uno dei metodi di gestione più comuni, ma questa potrebbe non essere l’opzione migliore. I cavalli sono creature sociali e il contatto umano, anche se meglio di niente, non è la stessa cosa di avere altri cavalli intorno. Per questo motivo, più gestori si stanno muovendo verso quello che è noto come il modello di gestione harem.

Consentendo al pascolo di essere gestito al posto dello stallone, il cavallo ha l’opportunità di comportarsi come un cavallo. Anche se un gruppo di scapoli è formato con castroni e altri stalloni, i comportamenti aggressivi possono spesso essere temperati. Ci tendono ad essere meno comportamenti stabili negativi o abitudini che si sviluppano nel modello di gestione harem pure.

Va notato, tuttavia, che gli istinti naturali di uno stallone possono superare l’allenamento che hanno ricevuto in qualsiasi momento. Il buon senso deve sempre essere usato quando si lavora con questi cavalli. Per questo motivo, solo una manciata di razze permettono ai bambini di lavorare con stalloni e ancora meno permettono ai bambini di mostrare o cavalcare stalloni in competizione.

Svantaggi dei metodi di gestione naturale

Lo svantaggio principale dei metodi di gestione naturale per gli stalloni è che la data di parto per le fattrici può essere in qualche modo sconosciuta. Anche se ricevono più esercizio che gli stalloni che sono tenuti nella stalla, è più difficile gestire la prevedibilità della prole e che può mettere a rischio la salute di una cavalla.

Con un allenamento adeguato, gli stalloni possono spesso lavorare con le cavalle senza difficoltà, ma ancora una volta – gli istinti naturali del cavallo possono sopraffare l’allenamento a volte. Anche in ambienti altamente regolamentati, come quelli della Scuola di Equitazione spagnola dove vengono gestiti gli stalloni Lipizzani, si presenta un problema di gestione occasionale.

Gli stalloni di un’età riproduttiva hanno maggiori probabilità di mostrare un comportamento impegnativo.

Quando gli stalloni hanno abbastanza spazio e ricevono abbastanza cibo, possono trovare un modo per vivere in pace. Anche gli stalloni che sono stati utilizzati per l’allevamento possono coesistere tra loro in una mandria di scapoli quando ci sono abbastanza risorse a loro disposizione.

Gli stalloni possono essere impegnativi, ma possono anche essere meravigliosi. È sempre importante concentrarsi sulle buone qualità del cavallo in modo che i comportamenti indesiderati possano essere gestiti correttamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.