Pubblicato il Lascia un commento

Toronto Raptors hanno la proprietà più unica nella NBA

I Toronto Raptors hanno una delle situazioni di proprietà più insolite nella NBA. Una situazione che è generalmente una buona cosa.

La proprietà NBA viene spesso dimenticata. I fan ricordano i giocatori, gli allenatori, conoscono persino i principali decisori della squadra (In Masai ci fidiamo). Tuttavia, spesso ci dimentichiamo del PRINCIPALE decisore della squadra: il proprietario / governatore.

“La proprietà è il più grande vantaggio competitivo nello sport.”Sono il principale decisore, in genere l’individuo di ruolo più lungo e l’unica persona che prende parte a ogni aspetto del team. Se hai un cattivo GM, un cattivo allenatore o cattivi giocatori, probabilmente avrai più fortuna presto. Se hai una cattiva proprietà, avrà un impatto sulla tua squadra per decenni.

Pensa ad alcune delle organizzazioni più disfunzionali e ripugnanti della lega negli ultimi anni: i New York Knicks, i Phoenix Suns, i Los Angeles Clippers pre-Ballmer.

A colpo d’occhio, le squadre dovrebbero essere tra i migliori contendenti del campionato. I Knicks sono la squadra principale per il più grande mercato della lega. I Soli sono un mercato di medie dimensioni con bel tempo, in particolare in inverno. Ora abbiamo assistito a ciò che i Clippers possono essere sotto buona proprietà.

Invece, erano/sono franchising trattenuti dai proprietari. I Knicks stampano denaro al cancello, sono nella “mecca del basket” e hanno un franchise affamato che divinizzerà qualsiasi giocatore che dà anche una corsa emozionante (ricorda Linsanity).

Ancora, la squadra non ha firmato un grande nome free agent da quando ha acquisito le ginocchia paralizzanti di Amar’e Stoudemire. I migliori giocatori non sono disposti ad andare ai Knicks perché sanno-quando hai un buffone al livello più alto della tua organizzazione, è davvero difficile vincere.

I Toronto Raptors non dovranno mai affrontare questo risultato. Il loro proprietario, nel bene e nel male, è Maple Leaf Sports and Entertainment, un’organizzazione gestita da Rogers Communication e BCE, Inc. Mentre la maggior parte delle squadre NBA hanno individui che gestiscono la loro organizzazione, i Raptors hanno una struttura molto più aziendale. Larry Tanenbaum è il presidente di MLSE, ma non è un proprietario come il tipico franchise NBA.

Perché avvantaggia i Raptors

I proprietari sono come i kickers nella NFL, averne uno davvero buono è bello, ma è più importante che tu non ne abbia uno terribile. La differenza tra il miglior proprietario della NBA e il 15 ° migliore non è così grande. Tuttavia, la differenza tra il 15 ° proprietario e James Dolan/Robert Sarver è di dimensioni canyon.

In genere, il miglior proprietario nella NBA è quello che viene ascoltato dal minimo. Ci sono eccezioni, come Steve Ballmer e Joe Lacob, che sono figure relativamente pubbliche, ma l’elenco dei migliori proprietari NBA è principalmente pieno di personalità tranquille che permettono alle loro migliori menti di basket di prendere le decisioni di basket.

Per i Raptor, a Masai Ujiri viene data quella libertà. Non deve preoccuparsi di impressionare con grandi nomi, non deve preoccuparsi di gestire un ego multimiliardario, deve solo preoccuparsi di mettere i Toronto Raptors nella migliore situazione possibile.

Il lato negativo della proprietà dei Raptors

Avere una società aziendale che controlla il franchising è principalmente una buona cosa. L’unico aspetto negativo è la mancanza di capacità/desiderio dell’azienda,di valorizzare i profitti.

MLSE è tecnicamente una società di proprietà privata. Tuttavia, è principalmente di proprietà, di Rogers Communication e BCE, Inc. due società quotate in borsa. Come società quotate in borsa, hanno la responsabilità nei confronti dei loro azionisti di prendere le migliori decisioni nell’interesse finanziario della società, non ciò che è nel migliore interesse dei Toronto Raptors.

Ora, ciò non significa che i Raptor non possano spendere soldi. La scorsa stagione, hanno finito con il terzo più alto disegno di legge tassa di lusso nella NBA. Significa solo che la loro spesa deve essere giustificata (ad esempio i benefici finanziari di vincere un titolo NBA).

In tutta la NBA, ci sono proprietari che mangeranno un conto significativo e persino subiranno una perdita per aiutare a dare alla loro squadra i margini più sottili. Dan Gilbert, per tutti i suoi difetti (CE NE SONO MOLTI), ha speso million 122 milioni la scorsa stagione per una squadra che è stata orribile. Ha assunto lo stipendio piuttosto che spargerlo, al fine di raccogliere alcuni secondi-rounders aggiuntivi.

Gilbert è lontano dall’unico. Mark Cuban, Steve Ballmer e il compianto Paul Allen hanno tutti valutato la vittoria prima dei profitti. La proprietà dei Toronto Raptors non lo farà e non può farlo.

Tuttavia, quando si tratta di proprietà, i Raptor sono migliori della maggior parte. Alla fine della giornata, si desidera che il proprietario di tagliare i controlli e ottenere out-of-the-way. I fan dei Raptors giustificheranno una spesa considerevole. Hanno anche un gruppo di proprietà che rimarrà uninvolved. E ‘ abbastanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.